Il territorio della Regione Calabria presenta una complessità morfologica ed una vulnerabilità infrastrutturale tra le più alte di Italia. Nel contesto della riduzione dei rischi e impatti ambientali, è emerso con rilevanza il tema delle nuove tecnologie energetiche e del riutilizzo di scarti e rifiuti.

In Calabria esiste una forte specializzazione legata alla presenza di una rete di Dipartimenti universitari e Istituti del CNR che operano sui temi della mitigazione dei rischi naturali con un approccio interdisciplinare. Il sistema della ricerca mostra anche una buona rete di collegamenti nazionali e internazionali nell’area dei rischi idrogeologici, sismici, ingegneria marittima. Le dotazioni di attrezzature e infrastrutture di ricerca, già consistenti, sono state ulteriormente potenziate negli ultimi anni. È prioritario puntare allo sviluppo della conoscenza del territorio, alla messa a punto di approcci di analisi e di intervento innovativi e di sistemi di eccellenza per l’allerta e la gestione delle emergenze.

L’utilizzo di nuove tecnologie energetiche e del riutilizzo di scarti e rifiuti, sono diventati temi centrali nello studio della riduzione dell’impatto ambientale e dei rischi ad esso collegati.

L’Italia importa tutte le materie prime seconde, con enorme esborso economico. L'uso sempre più diffuso di materie prime seconde è importante, perché riduce la necessità di estrarre materia prima dalla Terra, permettendo un considerevole risparmio energetico. Oggi, in ambito locale, le materie prime seconde, dopo essere raccolte, vengono separate e selezionate attraverso impianti esistenti e conferite al CONAI per la loro trasformazione.

Con la Deliberazione n. 40 del 4 febbraio 2019, la Giunta della Regione Calabria ha fatto emergere la necessità di riutilizzare le materie prime seconde, quali materie prime, attraverso l’individuazione di nuove tecnologie per il trattamento di tali materiali, in loco ed a livello Provinciale. 

L’utilizzo di queste tecnologie consentirebbe ricadute in termini di abbattimento del PIL, vantaggi ambientali, economici e sociali, con la creazione di nuovi posti di lavoro.

Open

Pubblicazione: 19-12-2019
Tipologia Procedura: Pre commerciale (PCP)
Proponente: ATO Catanzaro
Appaltante: Regione Calabria

Altri fabbisogni

SOLUZIONI PER LA FORMAZIONE E IL SUPPORTO AI RESPONSABILI DEGLI APPALTI DI INNOVAZIONE

Agenda Digitale e Smart Communities

fabbisogni
SOLUZIONI PER LA FORMAZIONE E IL SUPPORTO AI RESPONSABILI DEGLI APPALTI DI INNOVAZIONE

Sviluppare strumenti e metodi per costruire le competenze necessarie ai funzionari responsabili di appalti di innovazione, e sviluppare i servizi di supporto alla conduzione delle gare.

Pubblicazione: 05-12-2018
Proponente: AGID

LEGGI DI PIÙ
MOTORE PREDITTIVO PER LA GOVERNANCE DELLA SMART LANDSCAPE

Agenda Digitale e Smart Communities

fabbisogni
MOTORE PREDITTIVO PER LA GOVERNANCE DELLA SMART LANDSCAPE

Sviluppo di un motore predittivo in grado di rappresentare il comportamento del sistema non lineare complesso Smart Landscape, in funzione dell’introduzione di nuove tecnologie, nuovi servizi o nuovi processi.

Pubblicazione: 06-12-2018
Proponente: AGID

LEGGI DI PIÙ
UN MOTORE DI RICERCA PER PIATTAFORME DI OPEN INNOVATION PROCUREMENT

Agenda Digitale e Smart Communities

fabbisogni
UN MOTORE DI RICERCA PER PIATTAFORME DI OPEN INNOVATION PROCUREMENT

Sviluppo di una soluzione per la correlazione “automatica” delle challenge pubblicate nelle piattaforme di open innovation pubbliche e private

Pubblicazione: 30-04-2019
Proponente: Agid, Soresa, Regione Campania

LEGGI DI PIÙ